BIOMECCANICA

Ricerca dell’assetto ottimale

Con il test biomeccanico cerchiamo di ottimizzare la posizione in bicicletta, sia per risolvere problemi fisici che per migliorare il rendimento della pedalata.
La biomeccanica del ciclista è lo studio della posizione assunta sulla bicicletta in funzione del miglior utilizzo della forza muscolare applicata alla pedalata.
Per effettuare questo test si possono utilizzate diverse metodologie, la maggior parte delle quali si basa sulla misurazione degli arti e degli angoli articolari.
Il nostro metodo utilizza la funzione di analisi della pedalata fornita dal cicloergometro SRM. In questo modo è possibile vedere in diretta, come viene applicata la forza durante la pedalata. Possiamo vedere sullo schermo il grafico della pedalata con l’assetto attuale e come questa si modifica con le variazioni apportate.
Sul cicloergometro SRM si possono testare varie regolazioni dell’assetto vedendo direttamente il risultato sullo schermo per mezzo dell’analisi della pedalata. Ad ogni variazione del posizionamento dei componenti della bicicletta, corrisponde un diverso tracciato del grafico. Questo, a nostro parere, è il miglior sistema per valutare il reale rendimento dell’assetto.

Come si svolge il test

Questa è la procedura per testare l’assetto della bicicletta in uso.
Le misure della bicicletta vengono riportate sul cicloegometro in modo da eseguire il test nella stessa posizione della propria bici. Si esegue l’analisi della pedalata provando le variazioni della posizione che si ritengono utili. In diretta sullo schermo si può vedere come questi spostamenti influiscono sulla pedalata. Con la stessa metodologia è anche possibile testare un diverso posizionamento delle tacchette delle scarpe. Una volta raggiunto un assetto soddisfacente, si salvano le nuove misure. Al termine del test viene consegnata una scheda con le variazioni di posizione da effettuare e un’immagine dell’analisi della pedalata registrata durante il test.

Biomeccanica ciclismo
Cicloergometro SRM

Misure del telaio

E’ possibile ricavare il progetto di un telaio per bicicletta da strada tramite la misurazione antropometrica. Le misure dei segmenti corporei vengono elaborati dal programma che sviluppa il disegno del telaio. Le caratteristiche del telaio ottenuto potranno servire come indicazione per la scelta della taglia di una marca specifica, utilizzando come guida principale la lunghezza virtuale del tubo orizzontale, e affidando le altre caratteristiche ai modelli in catalogo. Dopo aver elaborato le misure del telaio si potrà effettuare il test biomeccanico già visto sopra in modo da stabilire anche il posizionamento finale in sella.

Biomeccanica ciclismo
Biomeccanica ciclismo

FAQ & INFO

Quali modifiche facciamo direttamente?

In studio possiamo modificare l’altezza e l’arretramento sella. Per modifiche sullo sterzo o per sostituzioni di parti bisogna rivolgersi ad un meccanico.

Cosa portare per il test

Per controllare la bicicletta in uso, portare bici scarpe ed abbigliamento. In caso di un nuovo progetto, portare eventuale bici in uso, oppure solo abbigliamento e scarpe con tachette per i pedali previsti per la bici nuova.

Sella

Per la scelta della sella possiamo dare consigli, in base al tipo di attività. Non disponiamo di attrezzatura di misurazione per le taglie della sella.

Plantari scarpette

Non disponiamo di attrezzatura per realizzare plantari per scarpe da ciclismo.

Telaio slooping

In caso di progetto per misure del telaio, il nostro programma fornisce la misura del tubo orizzontale tradizionale che in pratica corrisponde alla misura del tubo orizzontale virtuale del telaio slooping.

MTB

Possiamo testare la posizione in sella per un MTB configurando il cicloergometro come MTB. Per la taglia del talaio rivolgersi ad un rivenditore con le misure del posizionamento ricavate dal test.

21 Commenti a biomeccanica

  • giuseppe nieddu

    quando mi alleno in bici da corsa a livello di gare amatoriali mi accorgo che faccio piu forza con la gamba sinistra il biomecanico mi a installato sulla tachetta destra uno spessore da 10 mill… pero non mi trovo bene stavo pensando alle pedivella regolabile e possibile inviarmi il num. tel.per contatarvi grazie

    • Paolo Gaspari

      Potrebbe essere interessante fare un’analisi della padalata per vedere la differenza di forza tra i due arti.
      Personalmente sono contrario agli spessori se non dopo una visita ortopedica che confermi una differenza di lunghezza degli arti.
      Un controllo di un osteopata con trattamanto della postura del bacino potrebbe dare buoni risultati

      • stefania

        Esattamente!
        purtroppo ho avuto una brutta esperienza con gli spessori: a lungo andare mi hanno provocato una brutta tendinite alla caviglia.
        Dopo aver consultato un medico sportivo che mi disse che le dismetrie degli arti vanno valutate con la misurazione mediante radiografia, ho prontamente eliminato gli spessori e risolto il problema tendinite.
        A mio avviso le visite biomeccaniche sono sì utili, ma non dimentichiamoci le sensazioni in sella!!!
        Si deve correggere un assetto scorretto in sella e non un numero che esce da determinati parametri.

  • emilio

    Bravo Paolo…problema risolto…Oggi gara sotto il diluvio, zero problemi,zero menate,solo pedalare bene e duro……mi piace….ciao

  • Attilio Bassi

    Ho 62 anni , dopo la regolazione postura e regolazione tacchette, ho fatto un giro di 170 km , avendo ancora la voglia di continuare. semplicemente perfetto . Grazie Attilio Bassi

  • Andrea Gobbo

    Grazie Paolo, grande passione e competenza. Ottimi suggerimienti e consigli pratici, sicuramente molto efficace. Anche a me che sono neofita, sono certo che con le tue diritte farò molta strada!! Grazie!

  • francesco chicco fonte basso

    Professionalità ed efficenza, il tutto condito con il sorriso e la simpatia del personaggio, Paolo, che con poche ma mirate delucidazioni, mette lo sportivo nella condizione di rendere al meglio. E questo a tutti i livelli. Anche al mio.
    Grazie

  • alberto

    Ciao Paolo probabilmente non ti ricordi di me…sono venuto a sistemarmi l’assetto in bici in luglio per risolvere una fastidiosa tendinite al ginocchio ;sulle prime trovavo la nuova posizione un pò strana,ma devo dire che il mio problema si sta risolvendo…
    Grazie
    Alberto

  • Luca

    Che dire di Paolo se non che ho avuto a che fare con un professionista preparato e pignolo che ti sá ascoltare e capisce dove si puó arrivare.
    Purtroppo sono passati solo 3 giorni quindi non posso ancora dare una valutazione sulle modifiche della bici ma come professionista 10 e lode.

  • Andrea

    Grazie Paolo, sei un professionista serio e capace, con i miei problemi alle ginocchia….ma dopo essere stato messo in sella, finalmente con metodo scientifico e non a occhio, hai risolto tutti i miei problemi,
    Grazie ancora!
    Io lo consiglio a tutti!!!
    Andrea da Brescia

    • Giuseppe

      Ciao Paolo sei una grande persona e professionista serio e molto preparato nel tuo lavoro sono stato da te giusto una settimana fa e sento già miglioramenti del mio problema alla sella poi dopo la regolazione della bici adesso spingo ancora meglio di prima senza aver dolori sono veramente contento 10 elode lo consiglio a tutti quelli che fanno ciclismo amatoriale troverete solo vantaggi.. Ciao Giuseppe

  • Giuseppe

    Ciaoo non solo amatoriale intendevo dire x tutti farebbe bene ciao ancora è grazie

    • Paolo Gaspari

      grazie Giuseppe
      naturalmente la posizione corretta è fondamentale a tutti i livelli!

  • LEONARDO

    GRAZIE PAOLO, PER I CONSIGLI CHE MI A DATO, SICURAMENTE IN BICI SARO’ POSIZIONATO MEGLIO DI PRIMA, E ANCHE QUEL PICCOLO FASTIDIO CHE AVEVO PRIMA SPARIRA’ UN CORDIALE SALUTO DA LEONARDO

  • I have been surfing online ffpovv more than 3 hours today, yet I never found any interesting article like yours. It is pretty worth enough for me. In my view, if all site owners and bloggers made good content as you did, the net will be much more useful than ever before.

    • Paolo Gaspari

      thanks I’m honored

  • Luca

    Ciao Paolo sono Luca,
    per me la cosa piu’ importante e preziosa, per una persona che va in bici, e’ il poter pedalare quanto vuole senza provare alcun dolore articolare (ripensando ora al mio dolore esterno al ginocchio dx)… Dopo la tua analisi (molto professionale) e successiva impostazione sulla bici di tutte le misure da te rilevate e “corrette”, ho potuto da subito apprezzare la tua competenza e serieta’ d’approcio, nel far sparire da subito il dolore e nell’ottenere benefici nella pedalata che e’diventata molto piu’ rotonda ed efficace.
    Ti ringrazio veramente tanto per il tuo apporto concreto e ci rivedremo sicuramente tra non molto (per il test di Conconi) per continuare cosi’ l’analisi del mio stato fisico… ed eventualmente pensare d’intraprendere con il risultato dello stesso anche un programma di allenamento.

    Ciao da Luca
    a presto…

  • Antonio Colapietro

    Ho fatto diversi test ma ancora nn pedalo bene.
    Oggi dopo 1h e 30′ volevo fermarmi, nn riesco a spingere bene nn ho una pedalata rotonda.
    Sono veramente a pezzi anche moralmente

    • Paolo Gaspari

      Mi dispiace per le sensazioni negative, tra i test già effettuati c’era anche l’analisi della pedalata? A volte con questo test si riesce a capire l’origine del problema che può essere sia di posizionamento che muscolare o tecnico, come esecuzione del gesto.

  • Raoul

    Buongiorno Paolo,
    devo dire che, dopo essere stato da te e aver modificato le misure sulla bicicletta secondo le tue indicazioni ed aver percorso circa 1000km dopo la visita, questa volta credo proprio di aver risolto il problema del dolore persistente al quadricipite femorale. Grazie Paolo

    • Paolo Gaspari

      Ciao Raoul
      mi fa molto piacere averti aiutato a risolvere il problema. E’ fondamentale andare in bici senza problemi fisici. Buone pedalate!

Rispondi a Attilio Bassi Annulla commento

Il vostro indirizzo email non sarà pubblicato I campi contrassegnati sono richiesti *